Posted tagged ‘coppia’

Comunicazione NON verbale…consigli per l’uso!

23/03/2014

20140323-180554.jpg

La comunicazione…questo sconosciuto!
Partendo da un assioma della comunicazione, il primo, che recita “È impossibile non comunicare!”, possiamo affacciarci su un panorama stupendo che è quello della comunicazione relazionale ed emozionale, fatto di tutto ciò che NON È verbale, ma che è anch’esso comunicazione.

Avete mai visto due innamorati su una panchina, seduti un po’ distanti, che si danno le spalle è non comunicano?…a voi cosa stanno comunicando? E tra di loro?

Comprenderete che porre attenzione su questi elementi può essere molto utile nella coppia. Infatti oggi non voglio tediarvi con un sermone sulla comunicazione, ma lasciarvi qualche simpatico consigli da mettere in atto.

Può esservi utile? Non lo so, ma vi invito a leggerli e farci una piccola riflessione.

1. Vi sarà capitato di incrociare lo sguardo con una persona che vi interessa, oppure inconsapevolmente potete interessare a qualcuno, che mette in atto un comportamento seduttivo, cosa si intende per ciò:
Immaginate chi vi sta di fronte avere una posizione molto rilassata, che occupa grandi spazi, se devo rappresentarlo, posso dirvi che è uguale ad un uomo d’affari seduto in modo spavaldo sulla poltrona del suo ufficio…ci siamo quasi vicino, per una donna in modo composto, ma comunque in modo da lasciare ben in vista le gambe (non per forza scoperte).

20140323-180604.jpg

2. Partendo dal presupposto che ognuno di noi dispone del suo spazio relazionale, che è diverso rispetto anche alla situazione, se avvicinate una persona e non tenete conto di ciò, vi può capitare mentre parlate che questa persona tende ad indietreggiare o al punto di utilizzare una scusa per allontanarsi. Questo non attiene al fatto che non desideri intrattenere una conversazione con voi, ma probabilmente non avete avuto quella sensibilità da comprendere che ognuno necessità dei suoi tempi e spazi per comunicare, anche se non verbalmente, quindi in termini fisici.

3. Una persona che ascolta con interesse ciò che dite, sarà protratta verso di voi, con il fare di chi ha escluso l’ambiente circostante, con lo sguardo bloccato da due calamite. Ma attenzione ai suoi occhi, perché le pupille dilatate indicano desiderio…è un riflesso seduttivo automatico (vedi punto 1).

Alla prossima…

Saluti
dr. De Vulvis Maximo

Annunci

Gli opposti si attraggono…sarà vero?

31/10/2013

20131031-190708.jpg
Vi sarà capitato spesso di leggere questa frase, o sentirla dire dalle persone che vi circondano per i motivi più disparati.
Molto spesso viene usata in amore perché nel senso comune ci attira l’altro che possiede delle caratteristiche che noi non possediamo.

Ma è vero? Gli opposti ci attraggono?

Impariamo a vivere quelle emozioni o quelle condizioni vivendo in relazione con l’altro.
Spesso tutto ciò genera non pochi problemi perché invece risulta di difficile comprensione ed adattamento a lungo termine la relazione fatta su stili di vita differenti.

Possiamo raggruppare in quattro tipologie i tipi di pensiero:

Il tipo intuito: sa vedere e prevedere oltre il dato presente.
Il tipo sensazione: è concreto e vuole sempre toccare con mano.
Il tipo pensiero: analizza e scompone per vederci più chiaro.
Il tipo sentimento: è empatico e sa mettere tutti a proprio agio.

Potete riconoscervi in una di queste tipologie di pensiero e/o la persona che vi sta accanto?

Bene sappiate che dal punto di vista scientifico il senso comune trova fondamento nel fatto che effettivamente tutti gli individui sono attratti da caratteristiche altrui che vengono socialmente condivise e riconosciute come interessanti.
Un esempio su tutti, la ragazza timida che rimane affascinata dal brillante che si circonda di un alone di spregiudicatezza.
Tanto da suscitare in lei il cosidetto “spirito della crocerossina”.

Mi rimane salutarvi con l’auspicio che possiate si essere attratti ma soprattutto compensarvi con l’altra faccia della medaglia.

Saluti
dr. De Vulvis Maximo

La condivisione!

24/11/2012

…non è sempre un bene!

20121123-222629.jpg

Saluti
dr. De Vulvis Maximo

Il letto? E’ meglio condividerlo

15/06/2012
Lo rivelano i ricercatori americani dell’University of Pittsburgh (Usa) i quali svelano che addormentarsi accanto ad una altra persona riduce, oltre al rischio di malanni al cuore, anche il pericolo di depressione e di patologie autoimmuni. Lo studio, come riporta la stampa britannica, conferma dunque una delle ragioni per cui le persone che vivono in coppia tendono ad avere una salute migliore e vivono più a lungo rispetto ai single.
Wendy Troxel, psichiatra e coordinatrice della ricerca, spiega che il sonno è un elemento fondamentale per mantenere il benessere fisico, perché proprio una grave alterazione del riposo notturno è associata al rischio di malattie cardiache e dei disturbi psichiatrici. “La condivisione del letto – aggiunge la studiosa – è responsabile anche dell’aumento dei livelli di ossitocina, l’ormone dell’amore, in grado di rafforzare il legame tra le persone facendole sentire a proprio agio, rassicurate e protette dal partner. Un insieme di fattori che contribuiscono ad un sonno più riposante”.

Sempre secondo quanto emerge dallo studio, le donne sono quelle che traggono i maggiori vantaggi dalla condivisione del letto rispetto agli uomini. “Questi benefici – aggiungono gli esperti – tendono ad essere più psicologici che fisiologici, tuttavia le donne riferiscono di avere maggior piacere nel dormire quando sanno di avere al proprio fianco un altra persona”.

Fonte: TGcom24.it

 

Saluti

dr. De Vulvis Maximo

Coppia: Comunicazione

31/05/2012

20120530-203646.jpg

Fingere fa bene alla coppia?

27/04/2012

Tante lo vivono come una cosa scontata, altre con sofferenza non lo ammettono, ma ciò che le accomuna è il fatto di dover “simulare” l’orgasmo durante il rapporto sessuale con il proprio partner.
Bene, se questo accade sporadicamente nei rapporti occasionali ove la coppia morfologicamente non si conosce, vi sono in alcuni casi le inibizioni dovute all’occasione o in taluni casi all’alcool, ma nella coppia stabile è diverso.
20120427-083330.jpg

Godere di un ampio e soddisfacente orgasmo, perché a mio parere solo in questi termini va definito, permette alla donna, così come all’uomo, che l’organismo rilasci quelle sostenza a completamento di un comportamento naturale, che contribuiscono a rilassare e concedere all’organismo il senso di benessere che ne consegue.

Vivere la frustrazione di aver finto e quindi ingannato il proprio partner ed inoltre rimanere tese per un soddisfacimento non raggiunto, danneggia a lungo andare l’individuo ed il rapporto di coppia.

Riferisco sempre ai chi mi chiede supporto da questo punto di vista che la similitudine è presto fatta con la cucina, perché sesso e cibo vanno di pari passo.
Pensate di preparare un delizioso tacchino al forno, dovete preparare il ripieno, poi farcire il tacchino, ed infine infilarlo nel forno…ed è cotto!
Allo stesso modo dovete conoscere come preparare il momento dell’atto (vedi petting), poi stimolare la vostra partner per prepararsi ad accogliervi, ed infine infornare IL GALLETTO!

ATTENZIONE A NON LASCIARLO TROPPO IN COTTURA….

Saluti
dr. De Vulvis Maximo

Coppia litiga in metro lui li calma mangiando patatine

17/04/2012

Spesso la comunicazione non verbale è tutto…
Favoloso l’intervento di questo ragazzo, che ha ristabilito la calma.
Questo video ha riscosso in America grande successo con migliaia di visualizzazioni.

20120417-090554.jpg

Fonte: Nonopress.it

Saluti
dr. De Vulvis Maximo